La schermitrice coreana Shin A Lam perde, fa ricorso e intanto piange

scritto da Gabriele Drudi - Pubblicato il

Ci ha messo un’ora la giuria a decidere le sorti del match tra la coreana Shin A Alm e la tedesca Britta Heidemann e mentre i giudici cercavano di trovare una soluzione al ricorso dell’allenatore della coreana, lei ha iniziato a piangere.

 

 

Le due atlete erano sul 5-5 ai tempi supplementari e se il tempo fosse scaduto per via del regolamento avrebbe vinto l’atleta sudcoreana, che aveva ottenuto la cosiddetta “priorità”. Nei supplementari chi mette a segno la prima stoccata vince. Dopo una serie di attacchi simultanei, senza che siano assegnati  punti, si è arrivati a un secondo dalla fine.

Il tempo è ripartito ed è scaduto subito senza che le due atlete si muovessero. Shin A Lam credeva di avere vinto. I giudici però hanno dato un altro secondo. Il tempo riparte e la sensazione in pedana e tra il pubblico è stata che quel secondo fosse durato molto di più, tanto da dare il tempo alla tedesca di affondare la stoccata vincente.

 

Da questo il ricorso, l’attesa e le lacrime.

 

 

  • Simona

    Molto puccy lei.

    • dariobuzz@libero.it

      La Federazione Internazionale le consegnerà una medaglia di "consolazione" , chissà con che spirito la riceverà …

Uno squer

Nel flusso continuo d’immagini, storie, notizie generato dalla rete, Squer.it seleziona e approfondisce i temi più discussi, più importanti o più richiesti dagli utenti. Squer.it, grazie a una tecnologia innovativa, raccoglie tasselli d’informazioni, li collega assieme in una storia o in più storie per offrire al lettore contenuti completi e curati.