Il PSG detta le leggi di questo scorcio di mercato

scritto da Silvia Berti - Pubblicato il
Area

Mancano solo i dettagli e la cessione di ibra e tiagho al PSG sarà ufficile. Berlusconi ha dichiarato ieri ai vertici del PDL a Palazzo Grazioli: ”Li ho venduti e ci ho guadagnato 150 milioni”. Beato lui!

 

L’ingordo PSG di Ancelotti e Leonardo, ma soprattutto dell’Emiro stanno anche portando a compimento gli ultimi aspetti per il trasferimento di Verratti dal Pescara alle rive della Senna.

 

Intanto i tifosi del Milan sono in subbuglio ma bisogna riflettere sulle parole di Mario Sconcerti oggi sul Corriere della Sera: “Non si può pretendere alla lunga di essere un paese in crisi e avere un calcio ricco. Il nostro calcio è retto dai migliori imprenditori del paese, Fiat, petrolio, Mediaset, Della Valle, De Laurentiis, Giochi Preziosi. La crisi del calcio è prima di tutto la loro crisi industriale. Il cinepanettone ha più anni del rapporto tra Berlusconi e il Milan, ma è finito anche lui. Si chiude una fase del capitalismo del calcio che va oltre la grande crisi europea. E credo ci sia per questo anche una ragione molto italiana, quasi inconfessabile: per anni il calcio ha perso il suo vero azionista di riferimento, la Juve”.

 

Intanto anche Fabio Borini, lascia la Serie A per la Premier League. Molti hanno definito l’operazione concertata da Franco Baldini “brillante”. Lo vedremo alla conclusione di quello che si sta rivelando il più difficile calciomercato degli ultimi anni.

 

Segnaliamo anche lo studio Associazione Italiana Calciatori su calciatori stranieri che giocano nel nostro paese. Secondo lo studio, nella passata stagione gli stranieri hanno raggiunto un totale di 1.195, 362 dei quali in Serie A, per una percentuale del 47,82%.: un trend in continua crescita dal momento che erano il 43,71% l’anno prima, il 40,11% nel 2009-’10, il 37,94% nel 2008-’09, il 38,72% nel 2007-’08.

Dagli elaborati dell’analisi AIC risulta che per numero di minuti giocati gli stranieri hanno addirittura sorpassato gli italiani, arrivando al 52%.

 

Da domani saranno due in meno.

Uno squer

Nel flusso continuo d’immagini, storie, notizie generato dalla rete, Squer.it seleziona e approfondisce i temi più discussi, più importanti o più richiesti dagli utenti. Squer.it, grazie a una tecnologia innovativa, raccoglie tasselli d’informazioni, li collega assieme in una storia o in più storie per offrire al lettore contenuti completi e curati.